• Bellezza

    Ho accompagnato mia madre dal parrucchiere

    Mi è capitato di accompagnare mia madre dal parrucchiere per un nuovo taglio di capelli.

    Appena messo piede nel salone mi sono subito perso ad osservare la maestria con la quale il parrucchiere metteva a frutto la sua arte nel taglio dei capelli. Oltre ad osservare l’andamento delle mani, mi sono concentrato anche sugli strumenti del mestiere a sua disposizione.

    Quando è arrivato il turno di mia mamma, prima di iniziare il taglio, il parrucchiere le ha lavato i capelli.

    Finito il lavaggio, mi sono distratto a chiacchierare con gli altri clienti in attesa. Quando sono tornato a concentrarmi sull’arte del parrucchiere mi è subito saltato all’occhio il fatto che i capelli di mia madre erano quasi completamente asciutti. La cosa che mi ha lasciato sorpreso è che non ho sentito né mi sono accorto del phon acceso. Così mi sono chiesto che tipo di asciugacapelli utilizzasse il parrucchiere.

    Si trattava di un phon professionale apposito per i capelli ricci di mia madre. Un phon con diffusore.

    Poi ho notato che su di un carrello vicino alla poltrona dove era seduta mia madre c’erano vari tipi di phon.

    Il parrucchiere, infatti, per rispondere alle varie esigenze dei clienti, deve munirsi di vari asciugacapelli e di vari strumenti da mettere su di essi.

    In effetti da un parrucchiere per entrambi i sessi possono presentarsi sia donne che uomini ed è palese che i capelli delle donne sono solitamente più lunghi di quelli degli uomini e, come conseguenza ovvia, i tempi di asciugatura sono totalmente differenti. Quindi, proprio per i tempi diversi, il parrucchiere dovrebbe possedere phon da 2000 watt per asciugare più in fretta i capelli lunghi che impiegherebbero più tempo (quasi interminabile) ad asciugarsi con uno stesso phon, ma di wattaggio inferiore, adatto invece quest’ultimo ad asciugare i capelli più corti.

    Ma la cosa più importante per un parrucchiere è l’attività, i guadagni che derivano dalla sua attività, dopo aver tolto dagli incassi i costi per dar sfogo libero alla sua creatività: in primis, la corrente. Per questo, per un parrucchiere andrebbe bene utilizzare phon che possono arrivare alla massima potenza, ma che alla fine arrivino ad un medio consumo energetico.

    Ma è anche utile per un acconciatore utilizzare phon che non siano rumorosi, come detto sopra. Provate ad entrare in un grande salone in cui più phon sono accesi contemporaneamente. Sarebbe un fastidio pazzesco.

    Per evitare questo rumore fastidioso esistono degli asciugacapelli particolari che fanno poco, pochissimo rumore.

    L’ultimo accorgimento a cui dovrebbe prestare attenzione un parrucchiere per avere ottimali phon professionali con cui lavorare, è quello di utilizzare dei phon leggeri, per una migliore manovrabilità, ma soprattutto per non stancarsi braccia e mani durante la giornata. Non deve essere piacevole lavorare con un phon pesante tra le mani per un giorno lavorativo intero.

    Queste caratteristiche dunque dovrebbero essere alla base del mestiere per far sì che un buon parrucchiere abbia il miglior asciugacapelli disponibile.

  • Bellezza

    Addio chiome ribelli

    Quando ci si sveglia al mattino la prima cosa che si nota davanti allo specchio è quella massa uniforme di capelli arruffati sulla testa, lo sanno bene le donne che devono combattere ogni giorno con i capelli ribelli ed indomabili.

    Non sempre bastano degli energiche spazzolate per tentar di dar loro una piega, se si ha del tempo a disposizione si può ricorrere alla piastra, con un risultato un po’ più soddisfacente.

    Ma al mattino tra i piccoli che devono andare a scuola e voi che siete in ritardo dove trovate il tempo per piastrarvi?

    Nessuna paura i vostri capelli saranno perfettamente in ordine utilizzando una spazzola rotante imetec, se non sapete proprio di cosa si tratta, visionate il sito che mette a vostra disposizione numerosi modelli delle migliori marche su mercato.

    Potrete valutare i vari prodotti con le relative caratteristiche, e con un po’ di pazienza troverete sicuramente quella che meglio si adatta alle vostre esigenze.

     Vantaggi delle spazzole rotanti

     Le spazzole rotanti stanno riscuotendo sempre più successo tra le donne, grazie alla semplicità d’utilizzo e soprattutto al risultato finale che si può ottenere con un po’ di pratica, molto simile a quello professionale del parrucchiere.

    Mentre prima vi affannavate a domare i vostri capelli ribelli a colpi di phon e spazzola, ora grazie a questi particolari tipi di spazzole che offrono una rotazione a 360°, sarà sufficiente usare una sola mano.

    Potete creare onde che vanno verso l’interno, se amate il classico caschetto, o verso l’esterno per una piega più sbarazzina, potrete sfoggiare ogni giorno una chioma perfetta e sempre in ordine, con semplici gesti ed in pochi minuti.

    Il vantaggio maggiore è che si possono usare sia sui capelli bagnati che su quelli asciutti, sui primi per asciugarli e creare un’acconciatura, sui secondi solo per dare un ritocco alla piega, sarà così facile che potrete cambiare look ogni giorno.

    Sarà divertente realizzare pettinature lisce, ondulate o ricce a seconda del diametro della spazzola che utilizzerete, ma potete usare le spazzole rotanti anche solo per asciugarvi i capelli, senza attivare il pulsante di rotazione funziona come un tradizionale phon.

    Potete esibire un liscio perfetto ogni giorno, i capelli saranno meno stressati visto che il getto d’aria delle spazzole è ad una temperatura decisamente minore di quella di una piastra.

    Facendo scorrere la spazzola grande dalla radice alle punte, con la separazione di ogni ciocca il risultato sarà sicuramente più voluminoso rispetto al liscio piatto della piastra, se invece desiderate dei capelli mossi o ricci vi basterà usare la spazzola più piccola.